D7pqP97WwAArBHF.jpg

MONDAINO

Il Paese dei Patti

Mondaino

... Mondaino

l borgo sorge a 420 metri s.l.m., al confine tra Romagna e Marche. La sua ubicazione ha influito sulla struttura e sulla sua storia, caratterizzata da un succedersi di diverse dominazioni tra il secolo XI e il XVII. Il centro storico conserva l’assetto cinquecentesco, quando la cinta muraria fu rinnovata ed ampliata. Stretto e allungato sul crinale, è percorso da una via principale e da due laterali, che partono dalla piazza Maggiore all’estremità nord-orientale. In questa piazza, nell’Ottocento, è stato realizzato un porticato semicircolare; alle sue spalle si trovano gli edifici più antichi del castello: la rocca malatestiana (XIV sec.), una torre poligonale e la Porta Marina, che ancora costituisce l’accesso carrabile. Circa a metà della via principale si trova la Chiesa di S. Michele Arcangelo, ricostruita nel Settecento e oltre, il convento delle Clarisse, risalente ai primi decenni del Seicento. Mondaino offre ai visitatori un percorso che parte dal Museo Paleontologico, che espone fossili di fauna e flora risalenti al Miocene, passando per la torre portaia con la ricostruzione storica dell’ambiente interno alla torre di guardia, sino alla Mostra delle ceramiche con ritrovamenti di produzioni mondainesi del ‘400. Nella Sala del Durantino, all’interno della Rocca malatestiana, si trova la “Madonna del latte”, un affresco di Bernardino Dolci di Castel Durante risalente al XV secolo. All’interno della Chiesa Parrocchiale si conserva un prezioso crocifisso ligneo del XV secolo di scuola tedesca, notevoli paliotti in scagliola e pregevoli opere pittoriche tra le quali: Crocifissione e santi del 1590 e l’apparizione di San Michele Arcangelo, entrambe di Giorgio Picchi; Deposizione e santi di Antonio Circignani detto il Pomarancio del 1625 e Beata Vergine del Rosario di Giuseppe Soleri Brancaleoni del 1797.

1200x800-1-50-0dec465d0c5a54ddd3807852ae
D7pqP97WwAArBHF.jpg